sabato 21 gennaio 2017

Credere nei miracoli..

Stasera..mi è venuta voglia di scrivere!


Forse è un mio bisogno, molto semplice, di buttare fuori le emozioni che mi porto e mi sto portando dentro in questi giorni!

Impossibile rimanere impassibile con tutto quello che sta succedendo...

Guardo e riguardo le immagini del salvataggio di tutti quei "piccoli uomini" e quelle "piccole donne" che hanno toccato con mano troppo in fretta quanto può essere dura la vita....e piango, mi emoziono e con fierezza mi commuovo perché sono la testimonianza vivente che la vita può vincere sulla morte e che la tenacia e la forza di volontà, ma soprattutto l'amore possono fare miracoli.

In silenzio ascolto le notizie, prego e aspetto..sperando che la mia preghiera possa arrivare a tutti i soccorritori impegnati in questa interminabile battaglia..e possa dargli la forza nell'andare avanti, senza arrendersi.

Penso a come poter fare arrivare il mio piccolo contributo e penso a papà e ai colleghi al suo fianco che sono a Norcia e che ancora una volta sono tornati in prima linea a vivere un'esperienza sicuramente forte...lontani dalle proprie famiglie, con la terra che ti trema sotto i piedi e pronti per aiutare come possibile persone che dall'oggi al domani hanno perso tutto.

Sto pensando alla mia vita e al valore che spesso le diamo..troppo banale!
E in funzione di questo penso a me stessa, si sarò egoista, ma penso alla mia prima mezza maratona "invernale" e a quanto saró fortunata nel poter provare ad affrontare questa sfida domattina. Ma ci penso con la consapevolezza del voler fare a modo mio uno tra tanti piccoli grandi gesti di solidarietà che ho cominciato e continuerò a fare.
Perché lo ammetto, un pó questa gara mi fa paura: non tanto la distanza, nè le mie gambe nè la mia forza di volontà..ma il combattere contro un nemico che in molti stanno affrontando e si sono ritrovati come "avversario", il FREDDO....e che IO mi sono andata a cercare!

Ma senza grinta non si va avanti e darsi obiettivi e motivazioni aiuta e allora domani, salvo grossi problemi, ho deciso che il mio traguardo sarà dedicato a chi in questo momento sta soffrendo le pene dell'inferno a causa del terremoto, a chi è in vita e sta lottando per sopravvivere per essere tirato fuori dalle macerie dell'hotel di Rigopiano (perché io ci credo!) e a papà e ai suoi colleghi in prima linea.

Domani correrò e arrivare al traguardo sarà come aggiungere le mie mani a tutte quelle che stanno già scavando ininterrottamente da più di 48 ore...patendo il freddo ed il gelo...scavando nella speranza!

E quale onore sarà anche per me "mettermi a scavare"...

martedì 3 gennaio 2017

Tempo di bilanci.

"Dona a chi ami ali per volare, radici per tornare e motivi per rimanere."
-Dalai Lama-

Natività - Presepe a Palazzo Marino (MI)

E mentre un nuovo anno ormai è cominciato...si pensa ancora al vecchio e si tirano inevitabilmente le somme.

E del 2016 mi ricorderò della varietà di emozioni che ho vissuto incredibilmente belle ed inaspettatamente brutte, personali, professionali e lavorative.

Mi sono lasciata sopraffare, sono stata sconfitta e ridotta ad uno straccio, ma dall'essere così a terra ho tirato fuori la forza per rialzarmi e combattere più forte di prima e più decisa che mai.
Ho lottato e ho faticato com'è giusto che sia, perché nessuno regala niente e io non voglio che qualcuno mi regali qualcosa. Tutto va guadagnato col sudore ed è molto più bello ed è una doppia soddisfazione quando alla fine di una lunga corsa si incomincia ad intravedere la fine e si riesce a tagliare il traguardo sulle e solo con le proprie gambe.

In questo 2016 che mi lascio alle spalle ho dovuto affrontare la perdita di persone care, rimanendo attonita e vuota dentro, ma al tempo stesso ho avuto la piacevole notizia dell'arrivo di tanta nuova vita...e cosa c'è di più bello della nascita di nuova linfa?!..di nuovi bimbi che con un loro semplice sorriso saranno in grado di riempire il cuore di tutti noi?!

Il 2017 appena iniziato invece sarà per me un anno di traguardi, in tutti i sensi!..e già so che passerà veloce e in un fulmine arriveranno fine gennaio, fine febbraio, Maggio, Luglio e non da ultimo settembre...
E diventerò "zia acquisita", di nuovo cugina..e parteciperò alla gioia di cari amici che diventeranno finalmente marito e moglie...e moglie la diventerò poi anch'io...e tenterò l'impresa del partecipare ad una maratona se le mie gambe reggeranno e me lo permetteranno.

Direi che già solo a scriverlo si preannuncia un anno felicemente tosto da vivere tutto d'un fiato. 
Non male come inizio.

E allora...che 2017 sia! 
Sarà bello avere ogni mese una bandiera a scacchi da sventolare!

domenica 4 dicembre 2016

12 anni di noi

5 Dicembre 2004
Anche se "la fatidica data" l'abbiamo scelta dopo, ricordi?

IO, appena lasciata da chi pensavo volesse condividere il resto della vita al mio fianco, poco prima di festeggiare il mio 18° compleanno..totalmente rimosso, quando in realtà dovrebbe accadere proprio il contrario vista l'importanza e la solennità del festeggiamento (così dicono!).

TU, lo sbarbatello che si godeva la vita, sedicenne, alle prese con le "prime esperienze amorose" e con un chiodo fisso che ad oggi fortunatamente non hai perso, ma anzi stai tramandando alle tue pesti...."IL PALLONE".

IO, desiderosa di dimenticare una delusione di cuore che mi aveva profondamente segnata, con la sola ed unica intenzione di divertirmi, senza impegno.

TU, "corteggiato e ben visto" dalle girls che facevano parte del nostro gruppo di amicizie, testavi il terreno e di sicuro non cercavi l'amore della tua vita.

Un lento avvicinarsi, un cominciare a stare bene insieme a ridere, a condividere passioni...passare del tempo mai io e te soli all'inizio, ma con gli amici, con soli e unici complici giochi di sguardi.

Poi un'uscita di gruppo, una serata al cinema, ovviamente un cartone animato il cui titolo potrebbe essere la sintesi perfetta di ciò che siamo io e te, NOI, oggi:

GLI INCREDIBILI

Un dolce tenersi la mano nell'oscurità della sala..nascosti da occhi indiscreti..niente più!

TU, il cavaliere gentiluomo che accompagna la ragazza a casa.
IO, beh, ovvio.."l'accompagnata".

Per la prima volta soli, io e te.

TU, il "più piccolo" tra i due cresciuto all'istante prendendo l'iniziativa.
IO, totalmente spiazzata dal tuo aver preso l'iniziativa sotto quel lampione e quei occhi amici per caso lì ad osservarci.

Il nostro primo bacio. 

L'inizio di ciò che allora sarebbe dovuta essere solo una semplice avventura........

OGGI 5 Dicembre 2016

12 anni splendidi, la continuazione o l'inizio di un'altra avventura?!..LA NOSTRA..
Da qualche mese finalmente sotto lo stesso tetto, presenti l'uno per l'altro..condividendo l'amicizia, l'amore e la vita. 

Semplicemente un uomo e una donna che da persone comuni..


..si sono trasformate in persone INCREDIBILI, diventando l'una il supereroe dell'altra!









E ciò che mi e ci riempie di gioia è che noi sappiamo già quale sarà il prossimo step...


TI AMO
(La tua "Mery per sempre")

giovedì 17 novembre 2016

Lettera aperta a Te...

Se una delle mie più grandi passioni è il disegno, la seconda (e tu lo sai bene!) è la scrittura. Non ho mai comprato un biglietto a Natale, per un compleanno, per festeggiare un anniversario..e ho sempre dato un peso alle parole.

Dal 5 dicembre 2004 te ne ho scritte tante di parole e di lettere e non mi sono mai vergognata di mettere nero su bianco le mie emozioni, i miei dubbi, le mie gioie, le mie perplessità, la mia gelosia, ma soprattutto la mia voglia immensa ed infinita di amarti.

E tu lo sai bene quanto per me sia sempre stato più facile scrivere che parlare!

Il prossimo 5 dicembre saranno 12 anni di noi, ma quest'anno saranno diversi perchè finalmente li vivremo io e te, insieme, sotto lo stesso tetto...il NOSTRO!



Cosi uguali, ma cosi diversi nell'essere cresciuti fianco a fianco dall'adolescenza..
Così "libertini" nel vivere le nostre giornate nel mondo del lavoro e coltivando le nostre passioni, ma così UNITI, giorno dopo giorno, nella vita..
Così innamorati da esser riusciti SEMPRE a superare anche i momenti più difficili che ci hanno accompagnato lungo il cammino...arrivati per debolezza, per rabbia, per delusioni...che spesso nulla avevano a che fare con il nostro rapporto..
Così SEMPLICEMENTE NOI nella quotidianità di casa: in cucina, nel preparare la cena; quando è il momento di lavare i tuoi vestiti d'allenamento e la tua divisa; nel fare la spesa che eravamo soliti fare con mamma e papà..

Io, così testarda ed altruista, solare, egocentrica, sensibile, sognatrice, a volte un po' fredda e impulsiva, etc..
Tu, così buono, gentile, accondiscendente fin troppo a volte, romantico, determinato e concreto nelle tue scelte, con i piedi per terra..

Ti domanderai perchè ti scrivo questo?!

Perchè sono innamorata di te, perchè hai reso la mia vita una magia e perchè noi sappiamo quello che ci aspetta..e dire che sarà bellissimo non sarà mai abbastanza!
Perchè è da quest'estate che hai dato alla mia vita l'unica cosa che mi mancava..IL TUO SEMPLICE ESSERCI..e ho voluto così scriverti ancora una volta il mio GRAZIE!
Perchè ci completiamo e seppur stanca la sera, non mi stancherei e non mi stancherò mai e poi mai di essere e fare tutto quello che faccio e che sono..proprio grazie a te..che sei la mia metà giorno dopo giorno e la mia meta di felicità che è finalmente diventata realtà..e lo sta diventando sempre più.

Noi ci divertiamo, difficilmente litighiamo perchè non ne siamo capaci, ci confrontiamo, siamo due persone che non sono nulla da sole, ma sono TUTTO nel semplice ed UMILE essere NOI!

TI AMO

E' tutto quello che sento il bisogno di dirti e che non ho bisogno di dirti.
E' ciò che mi dona il sorriso al mattino e mi rende serena la sera nel sapere che al mio ritorno, al nostro ritorno, CI SAREMO, l'un per l'altro.
E' ciò che ci rende quello che siamo..un'UNICA splendida ed incantevole FOLLIA!

lunedì 7 novembre 2016

Grazie a tutti per questi 30 anni!


"Il segreto della felicità non è di far sempre ció che si vuole, ma di voler sempre ciò che si fa."
-Lev Tolstoj-

Ho passato momenti duri e difficili non poi così tanti mesi fa. Sono consapevole di esser stata "un boccone difficile da digerire" per la mia famiglia e per TE. 
E sono consapevole di dover imparare ad esternare un pó di più ciò che mi porto dentro, sentimento bello o brutto che sia, per evitare poi di accumulare e accumulare e scoppiare. 

Ora sono un fiume in piena e ho così tanti motivi per essere felice...e lo sono proprio incondizionatamente, senza freni, con il fine di vivere lo scorrere delle giornate con il sorriso più bello che possa donare e regalare a me stessa, ma soprattutto agli altri.

Quando succede qualcosa di brutto e non si ha la capacità di andare avanti sembra che il mondo ti crolli addosso, ma ho imparato a perseverare e faticare più del dovuto ed oggi è bellissimo ritrovarsi qui a scrivere di come mi possa sentire ora....
F E L I C E e G I O I O S A!

30 anni, finalmente un lavoro degno di chiamarsi tale, nuovi colleghi piano piano sempre più amici che sono stati in grado di spiazzarmi e lasciarmi senza parole.
E non so ancora cosa dire perché mi sono sentita veramente lusingata ed emozionata e per quanto mi riguarda a me è venuto tutto così spontaneo che non ci ho pensato due volte!
..volevo con semplicità, donare il mio GRAZIE e farlo col cuore.

Sono elettrizzata, solare e sono realmente su un'altra dimensione e voglio starci il più a lungo possibile perché è così che posso essere in grado di far conoscere a tutti il lato migliore di me, quello del mio voler essere a totale servizio per gli altri, sempre e comunque, nonostante tutto.

Già perché io sono così, fondamentalmente troppo buona e altruista ed inguaribile ottimista!

Quanti regali, quanto essermi sentita amata (e come te lo godi il doppio se è tutto inaspettato), ma come mi ha detto qualcuno forse, con umiltà aggiungo io,  "me lo merito!"
E crediamoci che forse è anche per me finalmente arrivato il momento di raccogliere i frutti dopo una lunga semina.

È solo l'inizio Mary, daje tutta!!!

..cara mamma solo tu potrai capire ora. Uno sarà il problema che mi assillerà la testa: riusciremo a trovarne uno più bello?!?...😜😱

lunedì 24 ottobre 2016

Ogni tanto fa bene fermarsi..

Sono una persona attiva, per qualcuno anche iperattiva e in effetti per me è difficile fermarmi perché sono dell'idea che tutto vada vissuto. Attenzione, ciò non vuol dire che non abbia capitolo il relax.

Però, quando il riposo è forzato perché è il tuo corpo a "metterti a nanna" è impressionante come ci si senta forti, nell'essere in realtà impotenti. Si può fare tutto per stare bene, usare tutte le proprie forze, prendere medicine e seguire le istruzioni del medico e del "buon senso" alla lettera, ma quando il tuo corpo "batte cassa", nell'immediato sembra non esserci soluzione che tenga.

Ed è in questi momenti che costretta al fare niente, scavi nel profondo, cerchi risposte a domande che neanche pensavi fossi in grado di farti e dai sfogo alle passioni che "tanto ci sarà tempo per realizzarle"..perché nella normale quotidianità le ore passano così veloci che sembrano non bastare mai, ma quando sei ko queste stesse ore sembrano triplicarsi e non finire mai.

E scrivere È una mia passione e non mi imbarazza far trasparire le mie emozioni e mettermi a nudo, anche perché sono della categoria "è difficile dire tutto a voce".

Un fine settimana, quello passato, da dimenticare, dove a metterci lo zampino è stata non solo la natura umana, ma anche quella biologica che ha ben deciso di farmi purgare o punirmi, che ne so lo penso io, per qualcosa che non avrei dovuto fare. Chissà....
Difficilmente lo dimenticherò, difficilmente tutta la mia famiglia lo dimenticherà e quanto vorrei svegliarmi da un brutto sogno...ma la vita è bella, seppur dura a volte, perché fatta di tutto questo e perché dopo dolore e tristezza, la strada non può che essere tutta in salita.

..a partire dal fatto che entrerò negli "enta" settimana prossima e tutto sommato non mi dispiace crescere!

Ho un lavoro che adoro e che giorno dopo giorno mi sta riempiendo di soddisfazioni e mi sta facendo maturare e imparare (cosa che non vorrei mai smettere di fare).
Ho una famiglia meravigliosa che mi ha sempre appoggiato nelle scelte (facendomi giustamente sbattere la faccia contro un muro a volte) e mi ha permesso di essere quella che sono, una Mariachiara Guffanti realizzata e sognatrice, con dei valori, la cui voglia di realizzare i propri sogni é insaziabile.
Ho una splendida "metá della mela", con la quale abbiamo una meta da raggiungere e tanti progetti da costruire, mattoncino dopo mattoncino, come fosse un castello di lego: a volte si sbaglierà e bisognerà ricominciare, ma quanto sarà bello il castello costruito in ogni suo dettaglio alla fine?!


"Il mondo è un bel posto e per esso vale la pena di lottare."
-Ernest Hemingway-
  
Perché tutt'e queste parole?..perché ne avevo voglia, ne avevo bisogno, avevo il tempo per scriverle e pensarle e perché l'amore per il proprio compagno, la propria famiglia, i propri amici e la propria vita sono la miglior cura e medicina che possa dare e chiedere a me stessa.

MAI FERMARSI. 
BISOGNA LOTTARE, SEMPRE, E MAI ARRENDERSI PER CIÒ IN CUI SI CREDE.

giovedì 20 ottobre 2016

18 ottobre!..DELETE..

Da tanto non scrivo sul blog:  sono in "fase delirio", in senso buono, e il tempo scarseggia, ma oggi ne ho bisogno. 
Ne sento la necessità. 
Ho bisogno di pormi domande e di trovare risposte, ho bisogno di trovare certezze e di dare un significato alla prima domanda che si impara a fare da bambini, "perché?"

Sei volato via così, hai lasciato un vuoto dentro, incredulità, rabbia e un dolore forte da digerire per tutti noi, la tua famiglia, e chiunque ti abbia conosciuto e avuto sul proprio cammino.

Il respiro è corto, le lacrime fanno fatica a scendere perché io stessa, caratterialmente, ho imparato a tenere dentro e a soffrire in silenzio. È più facile scappare dalla realtà rifugiandosi in tutti i "mondi paralleli": lavoro, palestra, etc...

Proprio sabato, andando al Sacromonte, mi sono confessata e ho parlato della morte come mezzo per arrivare alla comprensione più profonda di ciò che sia realmente la vita.
...ma mai mi sarei aspettata di continuare questa ricerca passando attraverso di te, caro cugino "gigante e buono". 

Michele, che scherzo è questo?!
Dai che domani mi sveglierò e mi sarò resa conto che tutto è stato solamente un brutto sogno. 
Tornerai ad essere figlio, fratello, marito, padre, "quasi zio", nipote per i miei e cugino per me.

Non ho parole, solo lacrime soffocate e la consapevolezza e la necessità del dover andare avanti..a VIVERE!

Sarai sempre nel mio cuore, nei miei pensieri..e sarai sempre parte della nostra famiglia.

TI VOGLIO BENE MICHELE,
te ne vorrò sempre!

Proteggici da lassù e veglia su tutti noi!